ETR.300: richiede una programmazione particolare?

Discussioni inerenti l'esecizio, l'installazione e la gestione di sistemi digitali per il modellismo ferroviario.

Moderatori: Luca.Rubini, Seba55, peppardo

Messaggio
Autore
Carlo Ciaccheri
PlasticoDigitale
Messaggi: 229
Età: 53
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2008, 1:43
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Roco Multimaus + Intellibox + Esu LokProgrammer
Località: Genova

ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#1 Messaggioda Carlo Ciaccheri » giovedì 11 dicembre 2014, 10:57

Un nostro socio GFG ha deciso di portare sul nostro plastico il suo ETR.300 Acme, dato che sul suo impianti c'erano problemi di circolabilità.

Il Settebello è arrivato sul nostro plastico e le corse prova hanno dato esito soddisfacente. Concluso il collaudo, si passa all'assegnazione dell'indirizzo: il "3" di fabbrica è tassativamente riservato a macchine e decoder in prova. Mettiamo il convoglio sul binario di programmazione, integrato nel plastico, ma ci sono problemi di lunghezza e di captazione. Modifichiamo il binario di programmazione, stavolta ci siamo!

La centralina, Intellibox, legge il decoder ed esce la scritta "corto"... :doh: quando il treno è perfettamente funzionante con l'indirizzo "3". :grrr:

Domanda: c'è qualche inghippo/rito propiziatorio/procedura particolare da seguire per intervenire sulle CV del Settebello?

saluti sull'orlo di una crisi di nervi
Carlo Ciaccheri

Avatar utente
Buddace
Site Admin
Messaggi: 14503
Età: 39
Iscritto il: lunedì 2 febbraio 2004, 17:25
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: TMWDCC TBX zDCC Lokmaus2 HornbySelect Arnold Intellibox Claudia_CommandStation
Località: Torino
Contatta:

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#2 Messaggioda Buddace » giovedì 11 dicembre 2014, 11:09

Niente di che....probabilmente ha qualche condensatore o simile che in fase di programmazione ciuccia una corrente tale per cui supera la corrente massima ammessa in programmazione. Non mi ricordo se questa corrente si può variare tramite intellibox.
In ogni caso puoi cambiare l'indirizzo usando la programmazione in corsa....o chiedi a Pietro la cortesia di programmarti il settebello con la ClaudiaCs che ha detto limite di corrente regolabile :D
Fondatore e amministratore di DCCWorld

http://www.DCCWorld.com - il sito dedicato interamente ai sistemi di controllo digitale per il modellismo ferroviario.

Avatar utente
Fanky
DCCMaster
Messaggi: 2067
Età: 51
Iscritto il: venerdì 25 agosto 2006, 12:01
Scala: H0
Ho il plastico: No
La mia centrale digitale.: Tams MasterControl - ClaudiaCS - AliceHC - RocRail - LocoBuffer II - MultiMaus
Località: Crescentino (VC)

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#3 Messaggioda Fanky » giovedì 11 dicembre 2014, 12:35

Puoi anche provare a mettere in serie al binario di programmazione, solo per il tempo necessario alla programmazione stessa, una resistenza da 100Ohm.
"che la forza sia con voi" (Obi Wan Kenobi)

Carlo Ciaccheri
PlasticoDigitale
Messaggi: 229
Età: 53
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2008, 1:43
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Roco Multimaus + Intellibox + Esu LokProgrammer
Località: Genova

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#4 Messaggioda Carlo Ciaccheri » giovedì 11 dicembre 2014, 13:44

Per ora, grazie a tutti per l'interessamento. Vi terrò informati sugli sviluppi della vicenda.

riconoscenti saluti :mrgreen:
Carlo Ciaccheri

Carlo Ciaccheri
PlasticoDigitale
Messaggi: 229
Età: 53
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2008, 1:43
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Roco Multimaus + Intellibox + Esu LokProgrammer
Località: Genova

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#5 Messaggioda Carlo Ciaccheri » martedì 5 aprile 2016, 20:26

....e dopo tanto tempo... ce l'ho fatta!!!!!!!!! :D :D :D

Francamente, non saprei spiegare come ci sono riuscito, posso solo dirvi che stavolta ho usato il Lokprogrammer della Esu, ovviamente aggiornato.
Il Lokprogrammer è installato nel mio obsoleto portatile, ancora egregiamente funzionante: ho approntato un binario di programmazione alla buona, ci ho messo sopra il Settebello ed ho cominciato a leggere le CV. All'inizio ho ricevuto un paio di messaggi di errore "could not read CV" e"could no write CV", ma alla fine sono riuscito a modificare la CV1 e leggere le CV 7 e 8.

Viene da pensare che per modificare e leggere le CV del decoder di questo treno bisogna essere obbligatoriamente muniti di Lokprogrammer o Ecos... strano, perché con l'Intellibox Basic (nel frattempo abbiamo sostituito l'Intellibox 1 a causa di incompatibilità col software, WinDigipet Premium), non abbiamo mai avuto problemi.

contenti saluti :) :)
Carlo Ciaccheri

renzo58
LocoDigitale
Messaggi: 42
Iscritto il: giovedì 13 marzo 2008, 17:54

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#6 Messaggioda renzo58 » mercoledì 6 aprile 2016, 21:53

Bisogna "SEMPRE" tenere presente che la presenza di più decoder su uno stesso convoglio, mettono in crisi anche i migliori programmatori. Nel caso di specie abbiamo un treno che, addirittura, ha già di suo montati sette decoder per tutto il sistema di illuminazione, fari compresi, per quanto questi decoder sono studiati per dialogare con tutti i sistemi digitali in commercio, qualche problema, quando sono in tanti, lo creano. Visto che sei in possesso di un lok programmer, fai leggere il decoder ESU ancora montato nel treno, da quest'ultimo; quasi sicuramente ti darà la scritta che lo stesso non viene riconosciuto dal lok programmer, questo perchè la somma di tanti decoder manda in crisi molti programmatori digitali. Per tanto è sempre consigliabile programmare il decoder prima che venga montato su macchine di questo tipo, o macchine con elettronica di base complesse.
Ti sarei grato se puoi fare questa prova, e di farci sapere l'esito.

Carlo Ciaccheri
PlasticoDigitale
Messaggi: 229
Età: 53
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2008, 1:43
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Roco Multimaus + Intellibox + Esu LokProgrammer
Località: Genova

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#7 Messaggioda Carlo Ciaccheri » mercoledì 6 aprile 2016, 22:40

Allora... appena ho messo il Settebello sul binario di programmazione, ho attivato il Lokprogrammer e, con stupore, ho letto la CV 1. Dico "con stupore" perché, prima di allora, abbiamo usato Intellibox Basic, Intellibox 1 ed Intellibox 2 senza mai avere successo, ricevendo sempre il messaggio "corto" sui loro display, pur essendo perfettamente funzionante il treno. Aggiungo che con queste tre centraline non c'è mai stato verso di modificare le CV.

Comunque, con il LokProgrammer ho letto le CV 1, 7, 8 e 29 ed assegnato finalmente l'indirizzo al treno (prima siamo stati costretti a farlo circolare sul plastico sociale col " 3 " di fabbrica per due anni). Ho avuto un paio di messaggi di errore di scrittura e di lettura, quasi che il decoder abbia opposto resistenza, ma alla fine sono riuscito nel mio intento.

Faccio presente che il Settebello Acme viene equipaggiato di fabbrica con l'Esu V4.0 e che per accedere al decoder si incontrano le identiche difficoltà riscontrate nel più recente Polifemo Level: in altre parole, aprire la carrozzeria è un vero casino... :grrr:
Un consiglio ricevuto dall'assistenza è stato proprio quello di rimuovere il decoder, piazzarlo e programmarlo su di un'altra macchina, ma con la carrozzeria "blindata" :doh: ti passa la voglia di aprire il treno e con quello che costa ti passa ancor di più...

Spero di aver risposto soddisfacentemente alla tua richiesta.

disponibili saluti :)
Carlo Ciaccheri

renzo58
LocoDigitale
Messaggi: 42
Iscritto il: giovedì 13 marzo 2008, 17:54

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#8 Messaggioda renzo58 » mercoledì 6 aprile 2016, 23:20

Si grazie, non volevo insegnarti nulla, mi è capitato di incappare in situazioni da me citate, con macchine in possesso di componenti elettronici particolarmente evoluti. Sono contento che hai risolto, ho imparato un altra cosa.

Carlo Ciaccheri
PlasticoDigitale
Messaggi: 229
Età: 53
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2008, 1:43
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Roco Multimaus + Intellibox + Esu LokProgrammer
Località: Genova

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#9 Messaggioda Carlo Ciaccheri » mercoledì 6 aprile 2016, 23:33

Renzo, qui insegniamo ed impariamo contemporaneamente, i forum sono dei club virtuali da visitare comodamente stando a casa in ciabatte e pigiama :lol: :lol: :lol: per confrontarsi con altri appassionati.

Tieni presente che il "calvario" del Settebello si è felicemente concluso ieri, ma dopo due anni di sofferenze! Ho recentemente "implementato" il LokProgrammer Esu nella mia attrezzatura e, dopo i primi smanettamenti per prendere un briciolo di pratica col nuovo "mostro", ho pensato "quasi quasi lo provo col Settebello"... ed ho avuto ragione! :D :D :D

Concludendo, questo è solo un mio pensiero, mi sorge il dubbio se un acquirente di Settebello si veda costretto ad usare una centralina Esu per programmare il suo treno... :shock: :shock: Le centraline in dotazione al Gruppo Fermodellistico Genovese, le Intellibox su citate, non sono proprio "centraline pizza e fichi"... insomma, appartengono alla categoria delle "centraline serie", eppure hanno fallito miseramente...
Per completezza d'informazione, abbiamo radiato la Intellibox 2 per manifesta incompatibilità col software di gestione del plastico, WinDigipet Premium; il plastico è ora servito da Intellibox Basic; la Intellibox 1, anche questa causa di incompatibilità, è diventata una centralina di scorta.

selezionati saluti :wink:
Carlo Ciaccheri

renzo58
LocoDigitale
Messaggi: 42
Iscritto il: giovedì 13 marzo 2008, 17:54

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#10 Messaggioda renzo58 » giovedì 7 aprile 2016, 14:19

Si, hai perfettamente ragione, posso aggiungere che la compatibilità degli strumenti fatti dallo stesso costruttore, certamente aiuta a risolvere i problemi; io posseggo il lok programmer da oltre un anno, e posso dire che ora lo conosco a menadito, ma non contento di usare solo ESU "considerando che ROCO usa digitale ZIMO", recentemente ho acquistato il programmatore della ZIMO "MXULFA" mi si è aperto un altro mondo anche questo molto interessante.
Il bello del nostro hobbi, anche se costoso, è quello di imparare cose nuove ed interessanti almeno per me, ma vedo che anche tu fai la stessa cosa, complimenti.
Un digitale saluto Renzo.

Avatar utente
peppardo
DCCMaster
Messaggi: 2963
Età: 60
Iscritto il: mercoledì 13 febbraio 2008, 19:50
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: digitrax superchief 8amp
Località: MILANO/BARI

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#11 Messaggioda peppardo » venerdì 8 aprile 2016, 23:21

mmmmmmm provate a leggere o a scrivere, con i programmatori (LP o altri) le cv su modelli di LS per esempio, forniti di decoder OEM, magari nella versione sound e magari ESU 4.0M4 e poi ne riparliamo....
un amico per ben 2 volte ha dovuto rispedire in Germania una loco equipaggiata con questo decoder, per farselo riprogrammare, dopo aver tentato e seguito i consigli del venditore e della LS, anche provando ad installare il decoder su un'altra loco........
ora si tiene la macchina cosi com'è, con luci che sparano, a meno di non sostituire le resistenze interne sui led, perchè non può dimmarli o i suoni assegnati oltre f12 che non può usare, non avendo la centrale che gli consenta di andare oltre la funzione f12...
diciamo che a volte ci vuole kiulo (come dice Luxuria)....

Carlo Ciaccheri
PlasticoDigitale
Messaggi: 229
Età: 53
Iscritto il: domenica 24 febbraio 2008, 1:43
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Roco Multimaus + Intellibox + Esu LokProgrammer
Località: Genova

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#12 Messaggioda Carlo Ciaccheri » venerdì 8 aprile 2016, 23:34

Finora, di LS Models, ho comprato solo carrozze ed un carro, di macchine ho solo FS e qualcosina di Renfe, dato che mi piace la Spagna. Comunque, grazie per l'avvertimento, molto utile nel caso che LS Models faccia qualche macchina italiana, ma ne dubito... :?

avvertiti saluti :wink:
Carlo Ciaccheri

Avatar utente
Luca.Rubini
PlasticoDigitale
Messaggi: 747
Età: 42
Iscritto il: venerdì 22 gennaio 2010, 22:18
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: Intellibox 2 con programma rocrail sistema android su smartfone in wi-fi
Località: Roma
Contatta:

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#13 Messaggioda Luca.Rubini » domenica 10 aprile 2016, 19:46

il problema del settebello non è il decoder loco ma bensi' le schede pcb del treno in quantoopltre a fare la condotta elettrica sono dei veri e propri decoder costruiti da almarose che in taluni casi causa questi errori . ultimamente ni si bruciavano i led senza motivo e da li' la decisione di mandare le schede al costruttore. non vi posso dire ancora come vanno in quanto non mi sono state ancora riconsegnate

FRANCESCO VELLUCCI
Analogico
Messaggi: 3
Iscritto il: sabato 11 giugno 2016, 17:36
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: HORNBY ELITE

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#14 Messaggioda FRANCESCO VELLUCCI » domenica 8 ottobre 2017, 21:08

Io ci sono riuscito dopo alcuni tentativi con la centrale Elite di Hornby.
Ho usato un binario di programmazione appositamente approntato per lui e lungo 2.5 mt poggiato sul tavolo del la sala da pranzo.....
Gli ho assegnato CV1 = 7 e l'ha presa
Ora vorrei sonorizzarlo mettendoci dentro un decoder Esu Loksound V4.....sostituendolo di peso al Lokpilot V4 di serie.....qualcuno mi sa dire se e' fattibile ? Oppure devo riprogrammare qualcosa ? e se si....cosa ?
Grazie

Avatar utente
Buddace
Site Admin
Messaggi: 14503
Età: 39
Iscritto il: lunedì 2 febbraio 2004, 17:25
Scala: H0
Ho il plastico: Si
La mia centrale digitale.: TMWDCC TBX zDCC Lokmaus2 HornbySelect Arnold Intellibox Claudia_CommandStation
Località: Torino
Contatta:

Re: ETR.300: richiede una programmazione particolare?

#15 Messaggioda Buddace » domenica 8 ottobre 2017, 22:31

FRANCESCO VELLUCCI ha scritto:Ora vorrei sonorizzarlo mettendoci dentro un decoder Esu Loksound V4.....sostituendolo di peso al Lokpilot V4 di serie.....qualcuno mi sa dire se e' fattibile ? Oppure devo riprogrammare qualcosa ? e se si....cosa ?
Grazie

Riprogrammare non credo: Semmai il problema è trovare il decoder sound con i suoni giusti.
Fondatore e amministratore di DCCWorld

http://www.DCCWorld.com - il sito dedicato interamente ai sistemi di controllo digitale per il modellismo ferroviario.


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti